Per godere appieno la freschezza e il relax di un bagno in piscina, occorre che l’acqua sia sempre limpida e pulita: infatti, se questa rimane ferma rischia l’effetto “stagnazione”, con conseguente accumulo di sporco e batteri. 

Perché l’acqua rimanga costantemente pulita è necessario utilizzare un impianto di filtrazione in grado di raccogliere lo sporco e scaricarlo fuori dalla vasca. Il filtro scelto dev’essere ovviamente proporzionale alla grandezza della vasca, così da poter depurare l’acqua facilmente e velocemente. In commercio esistono diversi tipi di filtri, ognuno più o meno funzionale a seconda della tipologia di piscina che si possiede. 

Il prodotto più utilizzato dagli amanti delle piscine è il filtro a sabbia: questo strumento, infatti, presenta alcuni notevoli vantaggi sia in termini di efficienza che di prezzo. Vediamo di cosa si tratta e quale è il suo funzionamento.

Filtro per piscina a sabbia

I filtri a sabbia per piscina sono la tipologia di filtri più conosciuto ed utilizzati. Essi sono composti da un contenitore in plastica o in fibra di vetro all’interno del quale è collocata la sabbia silicea, la sostanza che ha il compito di eseguire il filtraggio: in alternativa alla sabbia si può anche usare la zeolite (un materiale di origine vulcanica) o la sabbia di vetro (che garantisce una durata maggiore). 

Questo strumento è utile sia per le piscine fuori terra, sia per quelle interrate e presenta numerosi vantaggi:

  • qualità della filtrazione: il filtro a sabbia permette infatti di depurare circa l’80% dell’acqua della piscina, mentre per il restante 20% occorre utilizzare prodotti chimici;
  • manutenzione: perché il filtro lavori correttamente è sempre importante mantenerlo in ottimo stato. Se non viene sottoposto ad una manutenzione periodica, infatti, rischia di non funzionare e di non pulire correttamente l’acqua della piscina. Spesso, però, mettere mano ad un filtro è un lavoro lungo e complesso: nel caso del filtro a sabbia, invece, si tratta di un’operazione facile e veloce, che rende questo prodotto sicuramente uno dei migliori strumenti di pulizia per le piscine. La procedura di manutenzione, infatti, è molto semplice: tramite la valvola a 6 vie si possono scegliere diverse opzioni come il controlavaggio, il risciacquo o lo svuotamento. L’attività cha deve essere svolta maggiormente è quella del controlavaggio: ogni 15 giorni, infatti, tramite questo processo occorre far entrare l’acqua nel filtro dal basso, pulendo così il letto di sabbia perché l’acqua sporca viene portata direttamente nello scarico. È poi consigliato svolgere un controllo sia a fine che ad inizio stagione. Se la manutenzione viene eseguita regolarmente, la sabbia del filtro può durare anche 5 o 6 anni. Inoltre, per una durata maggiore, è fortemente consigliato utilizzare la sabbia a vetro al posto di quella silicea;
  • adattabilità: il filtro a sabbia è uno strumento che si adatta a molti tipi di piscine. In particolare, esso è l’ideale per le vasche fuori terra medio-grandi;
  • installazione: il filtro a sabbia è un prodotto già pre-assemblato e basta collegarlo alla piscina;
  • conveniente: la sabbia di questo filtro può essere utilizzata per tutta la stagione o addirittura, se mantenuta correttamente, anche per qualche anno. Questa è una grande differenza rispetto, ad esempio, al filtro a cartuccia, l’altra tipologia di filtro maggiormente utilizzata: le cartucce di quest’ultimo, infatti, devono essere sostituite ogni 15 giorni;
  • rapporto qualità / prezzo: per la qualità del filtraggio che offre, il prezzo di questo prodotto è sicuramente conveniente.

Il filtro a sabbia, però, è un prodotto piuttosto ingombrante: la mole è considerevole e potrebbe occupare una porzione non indifferente di spazio nel giardino. Inoltre, anche se economico, il suo costo supera quello dei più classici filtri a cartucce, che risultano essere anche meno ingombranti. Nel caso di piscine dalle dimensioni ridotte è conveniente adottare filtri a cartucce: in questo caso, infatti, essi funzionano ugualmente bene, hanno delle dimensioni ridotte ed un prezzo più accessibile. 

Filtro a sabbia

Filtro a sabbia piscina come funziona

Per capire appieno le potenzialità di questo strumento, è necessario osservare nel dettaglio il suo funzionamento. I filtri a sabbia possono utilizzare sabbia monostrato, cioè di egual granulometria, o multistrato, cioè di granulometrie differenti: la prima viene usata per le piscine private, mentre la seconda, essendo più performante, per quelle pubbliche. 

La granulometria utilizzatae nelle piscine private varia tra gli 0.4 e gli 0.8 mm. Il funzionamento di questa pompa prevede poche, semplici fasi: 

  • l’acqua della piscina entra dalla parte superiore del sistema, venendo in seguito fatta passare dal letto di sabbia: questo raccoglie tutte le impurità e sporcizie tramite un effetto elettrostatico proprio come avviene in natura, dove l’acqua, passando per le rocce e il terreno, si libera dei componenti inquinanti;
  • dopo aver attraversato lo strato filtrante, l’acqua ripulita viene raccolta da alcune candele o piastre: queste la rimettono poi nella vasca, attraverso degli emissari;
  • sui filtri è presente un manometro, il quale misura la pressione di esercizio: questa indica il livello di sporcizie residue presenti nel filtro e quindi fornisce indicazioni in merito al momento di lavaggio del filtro.

I filtri che utilizzano sabbia multistrato, chiamati anche filtri a masse eterogenee, hanno caratteristiche leggermente differenti:

  • per prima cosa, il letto filtrante è costituito da diversi strati di granulometria differente che vanno in ordine decrescente dall’alto verso il basso: con questo meccanismo vengono raccolte le impurità anche più minute, evitando, però, che l’acqua ristagni;
  • lo strato superiore molto spesso è costituito da antracite, un materiale che ha proprietà filtranti simili a quelle della sabbia ma che, grazie alla forma irregolare ed alle dimensioni maggiori, permette all’acqua di scorrere più rapidamente. Con l'antracite vengono anche raccolti residui batteriologici, permettendo all’acqua di essere pulita anche a livello microscopico;
  • il secondo strato contiene invece graniglia di quarzo di forma sferica;
  • anche il terzo strato è composto da graniglia di quarzo di forma sferica, che ha, però, una granulometria differente: questa è appositamente progettata per catturare i residui che non sono stati raccolti dai primi due strati;
  • infine, gli ultimi strati, di granulometria maggiore (3/5 mm), completano il lavoro, garantendo un filtraggio perfetto e sicuro.

Motore a sabbia per piscina

Chiarito che quando si parla di “filtro a sabbia” non ci si riferisce alla sabbia che si trova in mare, è sempre bene che questa venga acquistata nei negozi specializzati in accessori per piscine. Il filtro presente nella propria vasca deve infatti essere riempito con un composto di sabbia silicea, contenuta in piccoli sacchi con mediamente lo stesso grado di granulosità.

In sintesi, sono piccolissimi residui di roccia che si presentano ruvidi al tatto.

Le cose da fare per preservare il proprio motore a sabbia per piscina sono tre: 

  • pulire la superficie dell’acqua con la retina: eviterai che corpi estranei si accumulino nel filtro e lo intasino. Il rischio è anche quello di favorire la proliferazione di funghi e batteri. Un rischio che si riduce se segui una corretta prassi igienica.
  • coprire la piscina: soprattutto quando è esterna e fuori terra, è bene proteggerla; trattasi di un suggerimento valido soprattutto se hai scelto una piccola piscina fuori terra. In questo modo potrai aumentare la durata del filtro a sabbia.
  • verificare il depuratore: è bene farlo ogni 15 giorni e prima della stagione invernale. La procedura è molto semplice e veloce. Basterà estrarre il filtro a sabbia, lavarlo e rimuovere tutti i corpi estranei. Se ben trattato il depuratore può durare anche diversi anni.

Il motore a sabbia è quindi una soluzione utile per mantenere la propria vasca pulita e sicura. L'utilizzo di strumenti come questo è infatti ideale per accantonare l’effetto “stagno”, con conseguente accumulo di sporco e batteri. Per questo Abritaly, da anni leader nel settore delle coperture per piscine, offre un supporto completo e sicuro, grazie anche al suo team di esperti. Richiedi un preventivo ed affidati a chi di piscine ne ha fatto la propria passione.

Piscina fuori terra Abritaly

fonti: