Possedere un giardino significa avere un piccolo angolo di paradiso personale dove poter trascorrere delle ore piacevoli e rilassarsi all’aria aperta senza rinunciare alla tranquillità della propria casa. Prendersi cura del proprio giardino è un hobby particolarmente diffuso tanto per la sua semplicità, quanto per la capacità di produrre un senso di profonda soddisfazione in chi lo pratica regolarmente.

Un giardino che si rispetti, ha spesso un elemento di decoro importante: la piscina. Chiunque possieda uno spazio adeguato sogna da sempre di poterlo sfruttare per costruirci una piscina, ma è stato probabilmente frenato dagli elevati costi che si pensa siano legati alla progettazione e alla realizzazione di un impianto di tale portata. 

Negli ultimi anni la situazione è profondamente cambiata. Non è più necessario dare vita ad esorbitanti investimenti per poter godere dei benefici di una piscina, ma è possibile concretizzare questo sogno sostenendo dei costi contenuti per la costruzione, la manutenzione della piscina e le coperture per piscine, e ottenendo, allo stesso tempo, dei risultati soddisfacenti.

In base alla tipologia di giardino che si possiede è possibile scegliere la piscina più adatta alle proprie esigenze e alle proprie aspettative. Di seguito alcuni consigli su come fare la piscina in giardino.

Piscina in giardino

Piscina in giardino piccolo

Non bisogna mai sottovalutare le potenzialità di un giardino. Anche con delle dimensioni ridotte è possibile sfruttare al meglio gli spazi disponibili e costruire una bellissima piscina.

Adottando una serie di soluzioni ingegnose è possibile realizzare delle vasche proporzionate capaci di conferire un valore aggiunto all’immobile anche se si possiede uno spazio limitato.

Si può infatti pensare di costruire una minipiscina, ovvero una particolare vasca - a due o massimo quattro posti - dove poter godere di trattamenti speciali come ad esempio l’idromassaggio. Questo tipo di impianto viene solitamente realizzato utilizzando una vasca in vetroresina la quale può essere inserita in uno scavo contestualmente realizzato o può anche semplicemente rimanere appoggiata al suolo. Qualora scelto questo impianto, si consiglia di rivestire la vasca con listoni di legno trattato così da proteggerla dagli agenti esterni potenzialmente dannosi come la pioggia o l’umidità. Tale rivestimento è anche particolarmente facile da abbinare con il verde del proprio giardino. 

Le piscine in miniatura sono disponibili in un’ampia gamma di forme e dimensioni, ma si segnalano nello specifico alcuni parametri limite utili a distinguere una minipiscina da una vasca dalla grandezza comune:

  • dimensioni: per una minipiscina quadrata, queste, sono al massimo di 191 x 191 cm, mentre se la forma adottata è quella rettangolare le dimensioni sono di solito 252 x 218 cm; 
  • forme: sono poi disponibili diverse forme, tutte utili a conferire un’aria elegante all’ambiente, come ad esempio le sofisticate forme esagonali (dimensioni 2x3) ed ovali; 
  • altezza: questa è generalmente contenuta in quanto non supera i 92 cm; 
  • posti: variano da un minimo di 2-3 ad un massimo di 12; 
  • scaletta: è un’opzione adatta anche a questa categoria di impianti.

Piscina fuori terra in giardino

Le piscine fuori terra sono le più semplici da progettare e da realizzare anche in spazi piccoli perché non necessitano di uno scavo appositamente creato come le piscine interrate, ma è sufficiente appoggiarle direttamente sul terreno. In questo modo si ottiene una notevole riduzione dei costi poiché la fase di montaggio risulta essere molto più immediata e si evitano le richieste di autorizzazioni edilizie.

Esistono due categorie principali di piscina fuori terra: rigide: 

  • morbide: in queste rientra il modello di piscina fuori terra più conosciuto, ovvero quello delle piscine gonfiabili realizzate in Pvc. Si ricorda che le piscine in plastica devono essere fermate sul terreno utilizzando dei pali. Inoltre, queste vasche si presentano con una forma circolare o ovale le cui dimensioni variano dai 3,5 m x 75 cm a 4,5 m x 122 cm per le prime e 5,5 m x 3.5 m x 122 cm per le seconde. Le tipologie più robuste combinano la presenza della vasca in tessuto di poliestere con spalmatura in Pvc ad alta impermeabilità con la struttura in acciaio zincato e verniciato;
  • rigide: queste possono avere forma circolare, esagonale o ovale. Si può però scegliere la classica forma a rettangolo, utilizzata soprattutto per le vasche in acciaio, plastica e vetroresina di grandi dimensioni. Le piscine appartenenti a questa divisione possono anche raggiungere fino ad 8 m di lunghezza, rendendole ideali per chi ha un giardino particolarmente grande.

Una piscina fuori terra deve essere collocata su un terreno libero e possibilmente piano: non devono essere presenti sassi o altri detriti in quanto potrebbero interferire con il montaggio. La posizione migliore per una piscina è quella dove questa risulta essere maggiormente esposta al sole e allo stesso tempo protetta da agenti esterni potenzialmente dannosi come il vento o la pioggia. 

Si consiglia di tenere la vasca ben lontana da alberi e piante poiché foglie, rami ed insetti costituiscono la principale fonte di inquinamento. Durante l’inverno è necessario coprire la piscina con un'apposita copertura per piscine fuori terra per evitare che entri in contatto con agenti esterni quali pioggia, neve o grandine ed evitare così danni particolarmente costosi. 

Quanto costa realizzare la piscina in giardino?

A seconda della tipologia di piscina che si desidera realizzare bisogna sostenere determinati costi, i quali risultano essere per la maggior parte accessibili. Le piscine fuori terra risultano essere le meno costose poiché a differenza delle piscine interrate richiedono un montaggio complesso, ma è sufficiente collocarle sul terreno. Il loro prezzo dipende dunque dal materiale scelto per costruirle, dalla loro forma e dalle dimensioni:

  • le piscine morbide hanno un costo minimo di circa 95€ e possono raggiungere un massimo di 500€;
  • le piscine rigide sono più costose e il loro prezzo varia da un minimo di 700€ fino ad un massimo di 2000€.

Il ventaglio di prezzi relativo alle minipiscine risulta essere molto ampio: se si opta per l’opzione idromassaggio il costo subisce un drastico aumento rispetto ai modelli privi di questa funzionalità, i quali costano invece circa 3500€. Il prezzo massimo per una minipiscina dalle forme sinuose e completa di idromassaggio è di circa 8 mila euro. 

Se invece si desidera realizzare una piscina in muratura, ovvero un tipo una piscina interrata che necessita di uno scavo nel terreno, bisogna considerare una fascia di costi leggermente più alta poiché la fase di montaggio si articola in maniera più complessa. Il costo maggiorato, in questo caso, dipende dal materiale adottato e per questo possiamo distinguere i seguenti indici di prezzo: 

  • piscina in cemento armato: 14 ai 20 mila euro;
  • piscina interrata con casseri di polistirolo: 12 ai 15 mila euro;
  • piscina di misura standard in pannello d’acciaio: 14 ai 19 mila euro;
  • piscina in lamiera d’acciaio: 10 ai 16 mila euro;
  • piscina in vetroresina: 18 ai 20 mila euro.
Piscina in giardino piccolo

Fonti:

https://www.blogpiscine.com/come-progettare-una-piscina-interrata/

https://www.grazia.it/casa/design/piscine-piccole-giardino-piccolo

https://www.arredamentoegiardino.it/piscine/piscine/minipiscine.asp

https://www.arredamentoegiardino.it/piscine/piscine/piscine-fuori-terra.asp

https://living.corriere.it/arredamento/esterni/piscine-da-giardino/

https://www.giardinotop.it/piscine-da-giardino/interrate/quanto-costa-piscina-interrata.html