Allenarsi con il caldo, tanto più in estate, può diventare molto faticoso. In particolare, dedicarsi all’attività motoria in acqua consente di risvegliare i muscoli e, al tempo stesso, godere del tepore dell’acqua della vasca. Gli esercizi da fare in piscina consentono di beneficiare di numerosi vantaggi tra cui la riduzione della ritenzione idrica e un complessivo miglioramento del funzionamento del sistema cardiocircolatorio. Tuttavia, è fondamentale dedicarsi agli esercizi giusti ed eseguirli senza affaticarsi eccessivamente, soprattutto se ci si trova in stato interessante. 

Aquagym esercizi piscina

Quando si pensa ad uno sport semplice da fare in acqua e non particolarmente impegnativo, si pensa subito all’aquagym. In vacanza o nel giardino di casa, l’importante è tenersi in allenamento e farlo con il minor sforzo possibile. Tra gli esercizi più amati perché garantiscono spesso risultati ottimi e tempestivi ci sono:

  • Salti con le ginocchia alzate: si tratta di un allenamento che consiste nel portare le ginocchia il più possibile vicino al petto, attivando così la muscolatura addominale e delle braccia.
  • Salti con le gambe tese: che decide di svolgere questo esercizio deve saltare avanti e indietro, tenendo le gambe e le braccia ben tese.
  • Flessioni sulle braccia: si tratta di un training intramontabile che consiste nello svolgere piegamenti sulle braccia, rafforzando anche la postura della schiena.
  • Slanci con le gambe: se si decide di svolgere questo esercizio bisogna impegnarsi nel “tirare calci sott’acqua” piegando ed estendendo la gamba ad un certo ritmo.
  • Corsa sott’acqua: è un allenamento tra i più tonificanti che vede il movimento simultaneo di ginocchia e braccia, quasi come se si stesse correndo.
Esercizi da fare in piscina

L’aquagym è una delle attivitàpiù tonificanti e complete per chi non è particolarmente allenato: infatti, riduce al minimo di rischio di traumi o ferite e non comporta particolari danni alle articolazioni. Grazie alla minore forza di gravità, il peso del corpo viene ridotto di circa il 90%, agevolando i movimenti e rendendo lo sforzo più sostenibile. I risultati sono visibilisin da subito, con miglioramenti sulla postura, sull’equilibrio e sulla capacità di controllo sullo stesso corpo.

Il movimento in acqua è completo ed armonioso in quanto ogni muscolo viene attivato: visto che fare esercizio in acqua sembra più semplice[4] , è possibile svolgere gli allenamenti con maggiore regolarità e notare, già dopo poche sessioni, i tessuti più tonici e perdita di centimetri sul ventre o sulle gambe. I benefici, quindi, sono non solo di tipo estetico ma anche mentale in quanto svolgere questa attività consente di liberare la mente dalle preoccupazioni e distrarsi, seppure momentaneamente. Questo genere di vantaggi diventa ancora più evidente se si ha la possibilità di fare aquagym all’aria aperta, godendo della bellezza della natura che circonda la vasca.

Esercizi in piscina per il mal di schiena

Tra gli sport da praticare in acqua, oltre all’acquagym, vi è il nuoto. Considerato da sempre tra le più complete ed efficaci attività motorie, permette di allenare in modo armonico tutti i muscoli, senza causare stress eccessivi ad articolazioni, tendini e legamenti. Per questo viene anche praticato per prevenire o curare specifici dolori come il mal di schiena, o in maniera più leggera, durante la gravidanza.

Per ottenere un buon risultato è opportuno fare attenzione alla tipologia di esercizio svolto, soprattutto se si soffre di mal di schiena cronico o di patologie legate alla colonna vertebrale. A questo proposito è preferibile rivolgersi ad uno specialista che possa indicare le tipologie di esercizi da svolgere e la frequenza con cui farlo. In linea di massima, però, è possibile segnalare come alcuni essi - tra cui la rana, il delfino o tutti quegli esercizi che prevedono l’utilizzo della tavoletta - siano assolutamente sconsigliati.

Gli esercizi da fare in piscina per il mal di schiena si rivelano un vero toccasana in quanto consentono di potenziare la muscolatura addominale che sostiene la colonna vertebrale, oltre a conferire un tono muscolare soddisfacente a spalle e braccia. Proprio questi aiuteranno a mantenere il busto eretto e con il passare del tempo risanare la propria condizione. Si tratta di un’attività fisica mirata, motivo per cui è opportuno che la si esegui con il supporto di uno specialista.

Esercizi piscina gravidanza

L’attività motoria in acqua è utile per qualsiasi individuo, tanto più se in una condizione fisica particolarmente stressante. Per questo durante la gravidanza viene spesso consigliato di svolgere esercizi acquatici, cercando di rilassare i muscoli e aiutare la circolazione. Durante la gestazione si è infatti più portate alla sedentarietà e ciò potrebbe recare danni all’intero corpo, che già si trova in una specifica e delicata condizione. Il volume del sangue aumenta, i muscoli tendono a rinforzarsi, il cuore si ipertrofizza leggermente e il baricentro della colonna vertebrale si altera, modificando la postura.

Diverse sono le attività che possono essere praticate in piscina: il nuoto, l’aquagym, il watsu. I movimenti devono essere lenti e delicati, possibilmente eseguiti con il supporto di un istruttore, il quale ne assicurerà un corretto svolgimento e la completa sicurezza di mamma e bambino.

Nello svolgere questo tipo di attività è importante non esagerare: le sessioni devono durare non più di un’ora e ripetute fino ad un massimo di tre volte a settimana. Il fatto che in acqua il peso del corpo sia ridotto non significa non stare attenti alla quantità e al tipo di movimento che si sta svolgendo. Gli esercizi sbagliati, la postura scorretta, l’acqua troppo fredda potrebbero, infatti, recare danno alla gravidanza. Per massimizzare il risultato degli esercizi da fare in piscina, a prescindere dalla propria condizione fisica, è opportuno immergersi in un ambiente pulito e adeguatamente sanificato. Per questo è opportuno prendersi cura della propria piscina assicurando interventi costanti e mirati di manutenzione della piscina, soprattutto quando si tratta di una vasca all’aperto: in questo caso è possibile proteggere l’acqua da detriti, sporcizia e fogliame scegliendo un’adeguata copertura per piscina. Tra i numerosi modelli presenti in commercio è fondamentale optare per quello più funzionale, che unisca praticità ed estetica.

Esercizi da fare in piscina in gravidanza