Per rendere la piscina un luogo confortevole ed accogliente è possibile adornare lo spazio circostante con una combinazione di piante, alberi e fiori creando un ambiente total green e un’atmosfera bucolica in pochi passi. In particolare, le piante sempreverdi sono un valido alleato per ottenere un angolo di paradiso intorno alla propria vasca.

Piante ornamentali per piscina

Quando si pensa alle piante da affiancare alla propria piscina, è importante valutare attentamente le numerose alternative. Infatti, esistono alcune varietà che, per quanto esteticamente perfette, non si adattano all’ambiente: per questo è preferibile scegliere piante autoctone, che prediligono luoghi caldi e clima estivo. Molte di queste possono vivere rigogliose nelle vicinanze di una piscina, conciliando estetica ed utilità.

Ne consegue che i fattori da prendere in considerazione quando si scelgono le piante decorative per la piscina sono numerosi e tra questi ci sono:

  • Sviluppo delle radici: crescendo una pianta immette nel terreno le radici e queste potrebbero causare danni alle tubature della piscina o ai pavimenti intorno. È opportuno quindi optare per piante con radici non particolarmente grandi, come quelle da fiore o a cespuglio.
  • Volume della chioma: alcune varietà di piante sempreverdi possono diventare potenzialmente molto alte e frondose; in particolare - ad esempio - i pioppi possono raggiungere diversi metri di altezza e, di conseguenza, adombrare lo spazio della piscina.
  • Fioritura: a differenza di quanto si possa pensare, anche le piante sempreverdi producono fiori che, con il passare del tempo, sfioriscono. Nel caso in cui la pianta si trovi in prossimità della piscina è possibile che i petali possano posarsi all’interno della vasca rendendo l’attività di pulizia più frequente.
  • Manutenzione: essere circondati da piante sempreverdi con foglie e fiori significa avere un bordo piscina colorato ed accogliente, ma che richiede anche molta attenzione. Il vento potrebbe infatti spingere le foglie in acqua e per questo sarebbe poi necessaria una manutenzione giornaliera della vasca.
  • Sicurezza: spesso le piscine sono frequentate da bambini e la presenza di piante con spine, urticanti o tossiche non fortemente sconsigliata. Analogamente se si hanno animali domestici che trascorrono del tempo in giardino si suggerisce di evitare le piante che possono essere velenose per loro.

Una volta chiariti gli aspetti da valutare è opportuno domandarsi quale sia lo stile che si desidera realizzare con le piante sempreverdi per piscina. Il papiro, ad esempio, è una delle più usate lungo i bordi piscina: si tratta di una specie palustre che riesce ad adattarsi perfettamente alle zone umide e donerà un sapore orientale al bordo vasca. 

Sono molto utilizzate anche la salicaria che, con il suo tipico colore viola, crea interessanti macchie di colore intorno alla piscina o l’hibiscus dalle numerose varietà cromatiche. Particolarmente utilizzate sono anche tutte le piante aromatiche che, sviluppandosi in cespugli dal profumo inconfondibile, renderanno l’ambiente fortemente caratteristico. In particolare, vengono piantate con maggiore frequenza il rosmarino e la salvia.

Piante adatte per stare vicino alla piscina

Fiori bordo piscina

Se le piante sempreverdi sono un elemento d'arredo irrinunciabile, come dimenticare i fiori? La componente floreale svolge la propria funzione ornamentale in maniera eccellente: zone di colore e forme variegata renderanno il giardino e in particolare lo spazio intorno alla piscina elegante e raffinato.

Prima di procedere con la scelta dei fiori per il bordo piscina è opportuno ricordare alcuni aspetti, tra cui:

  • i fiori possono essere fonte di allergia: è opportuno valutare attentamente quali siano gli allergeni in campo per evitare che un’iniziativa dallo scopo decorativo diventi controproducente;
  • presenza di insetti: i fiori attirano numerosi insetti - ad esempio le api - che soprattutto durante il periodo primaverile ed estivo possono disturbare la normale giornata a bordo piscina.

Tra le varietà di piante con fiori per il bordo piscina, la magnolia, ad esempio, è un fiore che si adatta in maniera ottimale alle piscine;  predilige il clima estivo, caldo ed umido, oltre ad offrire diversi tipi di colori e profumi. Anche l’oleandro costituisce una valida alternativa: con il suo calice roseo o bianco, si adatta alla luce del sole e non richiede neppure una particolare cura.

Alberi per bordo piscina

Per accrescere il valore alla piscina e del giardino limitrofo ad essa, è possibile scegliere alberi e arbusti. Questi, insieme a fiori e piante arricchiscono l’ambiente, creando una zona confortevole e rilassante. Anche in questo caso è importante tenere in considerazione alcuni importanti fattori:

  • L’ombra: questa deve essere direttamente proporzionale alla grandezza del giardino. È bene scegliere alberi più o meno alti, dai 20 metri ai 5 metri, e posizionarli ad una distanza tale da evitare che tocchi l’acqua.
  • I residui organici: nella scelta degli alberi è opportuno optare per tipologie di arbusti a chiome poco compatte con foglie coriacee, capaci di far filtrare la luce. La presenza di conifere, con foglie ad ago, potrebbe infatti causare infiltrazioni oltre al blocco degli skimmer.
  • Le radici: la loro presenza potrebbe gravemente danneggiare i tubi o la struttura stessa della vasca, rompere le pareti portanti o far saltare le pavimentazioni.

Che siano ulivi, palme o salici è fondamentale non attirare troppi insetti e, in questo senso, gli alberi da frutto sono sconsigliati tanto più se vicini alla vasca.

Piante ornamentali per piscina

Giardino piante grasse piscina

Le piante grasse costituiscono una valida soluzione per coloro che desiderano decorare lo spazio a bordo piscina senza doversi preoccupare eccessivamente della loro manutenzione. Questo tipo di piante, infatti, si adatta perfettamente a chi vive in zone calde e con una forte umidità. Che siano lungo i bordi o in prossimità della vasca, la fioritura annuale e il colore sempreverde assicura un giardino primaverile tutto l’anno.

Le varietà che possono essere utilizzate sono numerose: l’agave attenuata, l’aloe vera, l’echeveria o la rebutia. Nessuna di queste ha bisogno di una particolare cura, in quanto non perdono foglie, né sporcano o necessitano di irrigazioni costanti. È necessario prestare attenzione al substrato di coltivazione: il terreno dovrà essere ben drenato, vista la poca tolleranza ai ristagni idrici.

In conclusione, è opportuno sottolineare come, a prescindere dalla tipologia di pianta o arbusto venga scelto, questo comporterà - a fronte di un miglioramento estetico dell’ambiente - una inevitabilmente maggiore necessità di manutenzione. Per evitare che foglie, fiori e detriti si depositino nella vasca si suggerisce, pertanto, di provvedere ad un sistema di copertura per piscine che protegga la vasca e riduca il tempo di manutenzione che deve essere dedicato.