Il desiderio di avere una piscina nel proprio giardino è facilmente realizzabile. Un’installazione del genere richiede un impegno costante per pulizia e manutenzione: i trattamenti per l’acqua vengono spesso realizzati con l’utilizzo di cloro e del correttore di PH, prodotti con proprietà antibatteriche e dai dosaggi specifici. Esiste, però, una soluzione alternativa, ovvero la possibilità di nuotare in una vasca d’acqua salata. In tal caso sono richiesti interventi leggermente diversi da quelli sopra citati, vediamoli nel dettaglio.

Piscina acqua salata benefici

Coloro che scelgono di installare una vasca, spesso optano per una classica piscina ad acqua dolce, accantonando totalmente la possibilità di una ad acqua salata. Questo perché si crede possa essere più impegnativo a livello di manutenzione o costoso al momento dell'installazione.

Installare una piscina ad acqua salata, in realtà, permette di ridurre considerevolmente i rischi legati all’utilizzo di prodotti chimici. In effetti, i trattamenti per vasche ad acqua dolce prevedono l’utilizzo di un numero elevato di sostanze altamente pericolose. Il loro impiego deve essere regolato seguendo precise indicazioni, in modo che non risultino dannosi per i bagnanti: il cloro, ad esempio, è un agente particolarmente fastidioso per persone con pelle sensibile. Inoltre, questa tipologia di soluzioni provoca nel lungo periodo la corrosione dei materiali, motivo per cui per maneggiare questi composti è richiesta grande attenzione a dosaggi e istruzioni.

Al contrario, una piscina ad acqua salata prevede una manutenzione differente. È comunque necessario l’utilizzo di un clorinatore, ma in questo caso vengono disciolte pastiglie di sale stabilizzato. Vediamo i diversi benefici di una vasca salata:

  • galleggiabilità: proprio come nel mare, l’acqua salata permette di nuotare e rimanere a galla più facilmente;
  • effetto antisettico dell’acqua salata: questa particolare proprietà permette di eliminare gli agenti patogeni della pelle;
  • minor concentrazione di cloro: è un elemento fondamentale perché permette la riduzione di danni per pelli sensibili; in aggiunta, si potrà eliminare l’odore del cloro spesso molto fastidioso;
  • durata: non utilizzando prodotti chimici e potenzialmente corrosivi, la conservazione di una piscina di questo tipo sarà maggiore rispetto a quella di una ad acqua dolce con relativi trattamenti;
  • sicurezza: riduzione degli incidenti legati all’utilizzo di prodotti chimici per piscine

Come anticipato, questo tipo di installazione richiede comunque l’utilizzo di un clorinatore che, però, in questo caso contribuisce a produrre cloro naturale, fondamentale per una corretta igienizzazione della piscina. Un’attenzione maggiore deve essere rivolta al controllo dei valori del pH, in modo da evitare la possibile corrosione dell’impianto e per garantire sempre un livello neutro. 

Piscina acqua salata

Pompa piscina acqua salata

Nonostante si tratti di una piscina che può sembrare diversa dal solito, gli strumenti necessari per il suo funzionamento sono quelli classici.

In effetti, la pompa di tali impianti è la stessa che viene usata per quelli ad acqua dolce. Questo prodotto è fondamentale per il corretto filtraggio dell’acqua poiché permette che venga ripulita, ossigenata e re-integrata all’interno della vasca. Rispetto alla dimensione della piscina ed alla sua capacità, esistono diverse soluzioni tra cui scegliere. 

Due i modelli principali di pompe:

  • a cartuccia: realizzata appositamente per catturare eventuale sporcizia, è un prodotto di qualità realizzato in materiale ABS, altamente resistente;
  • a sabbia: i filtri di questo tipo trattengono detriti e sono in grado di ripulire efficacemente l’acqua grazie all’utilizzo di sabbia. 

Ognuna di queste tipologie è composta da svariati pezzi; si tratta di uno strumento che, grazie al collegamento con un tubo di entrata e uno di uscita, aspira l’acqua per poi filtrarla e restituirla pulita. Per la propria piscina è fondamentale utilizzare la pompa quotidianamente, in modo da garantire un ricircolo continuo ed evitare zone stagnanti o infestazioni di alghe.

Chiusura invernale piscina con acqua salata

Con l’utilizzo del clorinatore nell’impianto idraulico, il trattamento delle acque avviene grazie all’elettrolisi, un processo chimico che rilascia ipoclorito di sodio e cloro naturale, ovvero due elementi fondamentali per l’igienizzazione di una piscina. La manutenzione di questo tipo di vasca è uguale a quella di strutture ad acqua dolce, fatta eccezione per il controllo del pH che deve avvenire più spesso. 

Durante la stagione invernale non si ha la possibilità di nuotare all’aperto a causa del freddo e dell’abbassamento delle temperature. Bisogna, perciò, provvedere alla chiusura invernale della piscina ad acqua salata, dedicandosi allo svuotamento della vasca e alla sua pulizia.

Durante la cessazione di attività, è possibile effettuare lavori come sostituzione di piastrelle rovinate o verniciatura delle pareti, individuazione di perdite, cambiamento di eventuali pezzi rovinati, controllo e possibile modifica della struttura. 

Manutenzione piscina acqua salata

Per fare manutenzione è fondamentale che filtri e tubature siano sempre puliti, in modo da garantire l’effettivo funzionamento di ogni parte dell’impianto. Il filtro della pompa richiede una pulizia specifica: è importante lavarlo ed eliminare ogni detrito rimasto intrappolato, in maniera tale che avvenga il corretto filtraggio dell’acqua. Può capitare che tubazioni, retino e skimmer vengano posizionati erroneamente e lasciati sotto al sole. (manca il collegamento con la frase precedente) 

Il controllo di ogni parte dell’impianto deve essere un passaggio obbligatorio da svolgere a inizio e fine stagione. Alcuni passaggi essenziali per una corretta manutenzione per piscina ad acqua salata sono:

  • effettuare il controllo del pH quotidianamente;
  • assicurarsi della presenza e del dosaggio di pastiglie di sale;
  • controllare l’effettivo funzionamento della pompa e dell’impianto ad ogni utilizzo.

A seguito dell’installazione di una vasca è doveroso seguire attentamente le indicazioni specifiche che vengono fornite dagli esperti nel momento dell’installazione.

Copertura piscina acqua salata

Per evitare la chiusura della piscina nel periodo invernale, è possibile rivolgersi a veri professionisti del settore. Abritaly, da 40 anni ad oggi, offre soluzioni uniche e di grande qualità. 

Grazie alla consulenza con uno dei nostri esperti, è possibile creare un progetto su misura per ogni esigenza. La copertura di una piscina presenta diversi benefici, tra cui la protezione da eventi atmosferici, una minore sporcizia causata da foglie e sassi, minore dispersione di calore ed il possibile utilizzo della vasca anche durante i mesi freddi. 

Il nostro team di professionisti è pronto a rispondere ad ogni esigenza: per una consulenza, un sopralluogo e un progetto di design, Abritaly è la soluzione perfetta.

Piscina acqua salata con delfini

Link

https://www.grupposanmarco.eu/blog/piscina-acqua-salata#:~:text=La%20risposta%20%C3%A8%20s%C3%AC%3A%20per,il%20processo%20dell'elettrolisi%20salina.

https://www.greenhousepiscine.it/cosa-le-piscine-ad-acqua-salata-vantaggi/#:~:text=Un%20clorinatore%20applicato%20nell'impianto,in%20modo%20automatico%20e%20costante.