La manutenzione della piscina, si sa, non è affatto banale. L'igiene e la pulizia di questo ambiente sono aspetti fondamentali, motivo per cui è necessario fare molta attenzione. La salute e la tranquillità dei bagnanti dipendono infatti dalle condizioni igieniche dell’acqua e della vasca.

Purtroppo, talvolta può capitare di trovarsi ad affrontare piccoli spiacevoli inconvenienti, come l’acqua della piscina che assume strane colorazioni, oppure che si sporca e diventa torbida a causa di sporcizia, foglie o piccoli insetti. Può anche capitare che si formino delle macchie di muffa all’interno della vasca. Vediamo quindi insieme come pulire la piscina in caso di muffa.

Come eliminare macchie di muffa a bordo piscina 

Non è raro, come precedentemente accennato, che ci si ritrovi ad avere un problema di muffa nella propria piscina. Può infatti accadere, per varie ragioni, che si formino delle macchie di muffa sulle pareti della vasca o a bordo piscina. Queste si presentano solitamente con il colore grigiastro tipico della muffa.

Una possibile causa della formazione delle macchie sono le infiltrazioni dall’esterno. È però altrettanto possibile che si tratti di un problema di perdite, anche nelle saldature.

Purtroppo, non è così facile individuare la causa di un problema di questo tipo, specialmente se non si è esperti. Ecco perché è fortemente consigliato chiedere il parere di un professionista, qualora si dovesse presentare una problematica di questo tipo. Grazie al suo aiuto, sarà possibile risalire alla causa scatenante del problema e quindi individuare la soluzione giusta, il più rapidamente possibile.

Generalmente per eliminare le macchie di muffa ci si affida ad alcuni prodotti specifici. Innanzitutto, si può provare ad eliminare il problema eseguendo alcuni trattamenti di clorazione, ma non è detto che questa prima soluzione sia risolutiva. Potrebbe quindi essere necessario procedere svuotando completamente la piscina dall’acqua e applicando uno specifico prodotto antimuffa.

Se il problema non dovesse risolversi utilizzando un prodotto chimico per piscina di questo tipo, occorre, come già debitamente sottolineato, contattare un professionista del settore.

Cloro della piscina e muffa

Il cloro, fortunatamente, è molto efficace nel combattere la muffa grazie alla sua elevata capacità disinfettante. Ciò significa che è possibile effettuare trattamenti a base di cloro per rimuovere le fastidiose macchie di muffa sul fondo, sulle pareti della vasca, oppure a bordo piscina.

Prima di effettuare qualsiasi trattamento, tuttavia, è buona norma fare un test chimico dell’acqua della piscina per verificarne i valori, specialmente quello relativo al pH. Questo passaggio serve per escludere l’eventualità che si tratti di formazioni calcaree, le quali possono causare della formazione di macchie grigiastre. 

Nel caso fosse questa la vera natura delle macchie presenti in piscina, è bene sapere che basta abbassare il valore del pH ed aspettare con pazienza che le macchie si riducano, per poi scomparire definitivamente. Un’alternativa più rapida consiste invece nello svuotamento della vasca della piscina e nell’utilizzo di detergenti specifici disincrostanti.

Una volta esclusa questa eventualità, dunque, è possibile procedere con un trattamento a base di cloro. A tal fine, è necessario collocare, per un paio di minuti, una pastiglia di tricloro direttamente sopra la macchia di muffa. Una volta rimossa, si dovrebbe vedere una differenza tra la zona in questione e quelle adiacenti. Se effettivamente è così, allora si può procedere regolando il pH tra 7,2 e 7,4 ed effettuando un trattamento shock. È inoltre opportuno mantenere alto il livello di cloro anche nei giorni immediatamente successivi. 

Questo dovrebbe far sì che le macchie si riducano e scompaiano. Se così non fosse, o se queste dovessero ripresentarsi nuovamente, sarà necessario affidarsi ad un professionista.

Test chimico dell'acqua

Muffa: la pittura per piscina

Può essere utile sapere che esistono alcuni tipi speciali di pittura con una potente azione antimuffa e antialga. Queste pitture sono l’ideale per prevenire problemi legati alla comparsa di muffe e alla proliferazione di alghe. I prodotti in questione sono di ottima qualità, lavabili, traspiranti e pensati appositamente per gli ambienti come la piscina, in cui il vapore acqueo e l’umidità possono favorire la comparsa dei suddetti problemi.

Il prodotto può quindi essere applicato sulle pareti della zona piscina a scopo preventivo. Questa speciale pittura ha un effetto fungicida e battericida di lunga durata e non nuoce in alcun modo all’ambiente circostante e alla salute dei membri della famiglia.

È doveroso sottolineare, tuttavia, che questo prodotto non è adatto ad essere utilizzato all'interno della vasca della piscina. Questo significa che il problema della formazione della muffa va risolto prima di pensare di applicare una verniciatura all'interno della piscina.

Viene da sé, quindi, che prima di ogni altra cosa va individuata la causa di questo spiacevole fenomeno. Ciò permetterà di intervenire in maniera mirata ed efficace. Solo una volta risolta la problematica, è infatti possibile pensare ad una verniciatura, come pure all’utilizzo di prodotti specifici per la prevenzione.

Muffa rossa in piscina

Oltre alle classiche macchie grigiastre di muffa, potrebbe capitare di notare la formazione di alcune macchie di colore rosa o rosso all'interno della propria piscina. Nonostante la somiglianza, tuttavia, in questo caso non si tratta di muffa, bensì della proliferazione di batteri. Questi microrganismi si accumulano sotto la membrana in pvc della piscina e sono, esattamente come le muffe, potenzialmente dannosi per la salute dei bagnanti. Vanno pertanto eliminati nel minor tempo possibile ed in maniera permanente. 

Per farlo, è necessario abbassare il pH ed effettuare un trattamento d’urto con dicloroisocianurato di sodio, per poi lasciare in funzione il sistema di filtrazione per almeno 24 ore. A questo punto, è bene alzare nuovamente il pH e fare un ulteriore ciclo di filtrazione.

Se il problema dovesse persistere, sarà probabilmente necessario sostituire la membrana in pvc ed eseguire una disinfezione approfondita delle pareti della piscina.

Muffa sui gradini di una piscina

Fonti

https://www.acqua-spa.it/problemi_della_piscina/la_piscina_ha_macchie_sul_fondo_in_pvc.html

https://www.bricolors.it/Prodotto/98/STERYLPAINT-PITTURA-ANTIMUFFA-E-ANTIALGA

https://www.specialistcare.it/faq/macchie-rosa-in-piscina-quali-sono-le-cause-e-i-rimedi.html

https://www.guidapiscine.it/domande/macchie-grigio-scuro-su-rivestimento-in-pvc-piscina

https://www.latuapiscina.it/forum/7-varie/20369-macchie-di-muffa-fondo-piscina.html

https://www.guidapiscine.it/domande/macchie-di-muffa