Con la conclusione della stagione estiva arriva anche il momento di pulire la piscina vuota fuori terra per prepararla al suo inutilizzo. Le operazioni di pulizia dell’impianto sono importantissime, perché se effettuate con precisione e attenzione consentono di godere di una vasca confortevole e pulita l’anno successivo. Quando ci si occupa del lavaggio della piscina vuota è essenziale utilizzare i prodotti adatti e svolgere tutte le procedure - dalla pulizia del liner a quella del filtro - per un risultato ottimale.

Come pulire una piscina vuota?

Dopo aver svuotato la piscina ci si deve occupare della pulizia della vasca vuota. Per prima cosa è importante raccogliere tutti i detriti di grandi dimensioni, come le foglie e rametti che possono essersi depositati sul fondo della struttura. Solo successivamente si procede rimuovendo polvere e macchie e con la pulizia accurata di tutte le componenti della piscina: liner, fondo e interno.

Per rimuovere la sporcizia che inevitabilmente si deposita in tutta la piscina vuota, esistono diversi metodi da adottare. In generale, è opportuno adottare alcune accortezze per svolgere le procedure di pulizia con la massima sicurezza:

  • utilizzare calzature antiscivolo: per pulire in profondità la piscina vuota è necessario entrare al suo interno indossando scarpe adatte, che consentono di svolgere questa operazione in totale sicurezza.
  • indossare indumenti protettivi: anche l’abbigliamento in generale è importante, perché spesso si devono utilizzare prodotti chimici che potrebbero danneggiare i vestiti. Si consiglia di indossare una tuta plastificata e degli occhiali per proteggere gli occhi da eventuali schizzi;
  • scegliere prodotti e strumenti adeguati: esistono spazzole e panni adatti a pulire la piscina realizzati con materiali resistenti che non usurano la struttura. Lo stesso vale per i prodotti.

In presenza di uno strato di sporco molto radicato e complicato da rimuovere, è anche possibile acquistare degli strumenti che svolgano la pulizia in maniera meccanica. Esistono appositi robot per piscina, adatti ad eliminare anche le macchie più ostinate e a fare risplendere l’impianto. Anche utilizzare l’idropulitrice può risultare conveniente, ma solo se la struttura della vasca è abbastanza stabile da sopportare il forte getto di acqua, altrimenti si rischia di danneggiare l’impianto.

Pulire il liner della piscina vuota

Il liner è solitamente realizzato in pvc, quindi per la sua pulizia bisogna scegliere un prodotto compatibile con tale materiale. Si tratta di un rivestimento che percorre tutto il perimetro della vasca e che serve proprio a proteggere l’impianto. Affinché svolga bene il suo compito, è necessario sapere come pulire il liner della piscina vuota.

È consigliato l’utilizzo di prodotti chimici specifici per le vasche e per le incrostazioni calcaree, ma anche per eventuali macchie di muffa e umidità. Utilizzando detergenti sbagliati e non specifici si rischia di usurare precocemente il tessuto e di alterare la sua efficienza.

Pulire il fondo della piscina vuota

Il fondo della piscina vuota può essere pulito in due modi: manuale o meccanico. Si sceglie di svolgere manualmente le operazioni di pulizia del fondo della vasca nel caso in cui lo strato di sporco sia abbastanza sottile e semplice da rimuovere semplicemente spazzolando e sfregando. In tal caso, si acquistano dei detergenti adatti a non corrodere la superficie o si utilizza un sapone neutro per la lavatrice e si sfregano manualmente le macchie.

Nel caso in cui la piscina sia stata lasciata inutilizzata per lungo tempo, è possibile che una pulizia manuale sia insufficiente o addirittura inutile. In casi come questo, il fondo può essere facilmente lavato con un’idropulitrice o con un robot, in grado di svolgere al meglio la pulizia laddove lo sporco è troppo ostinato. 

pulire-la-piscina-fuori-terra

Pulire l’interno della piscina vuota

Per pulire l’interno della vasca vuota è necessario cominciare rimuovendo grossolanamente con le mani tutto lo sporco che si è depositato. Ad esempio, si rimuovono in questa fase le foglie e i rametti che possono essere caduti all’interno della piscina. Solo successivamente si può procedere al risciacquo.

L’interno della piscina vuota può essere sciacquato con una semplice pompa da giardino, in grado di rimuovere tutta la polvere e i microrganismi depositati. Se dopo questa pulizia dovessero esserci ancora macchie, allora si aggiunge una pulizia manuale, utilizzando un panno umido o una spugnetta e il detergente adatto alle piscine.

Come si pulisce la piscina dopo l'inverno?

Per iniziare la stagione nel modo migliore sarà poi necessario occuparsi della pulizia della piscina vuota dopo l’inverno. Durante la stagione più fredda - proprio a causa del mancato utilizzo della vasca - l’impianto tende a sporcarsi di più. Infatti acqua piovana, foglie, polvere e altri detriti di vario genere si accumulano man mano.

Si indicano di seguito 5 passaggi per pulire la piscina dopo l’inverno e per prepararsi alla bella stagione:

  1. pulire la copertura e rimuoverla: se non si ha la fortuna di possedere una copertura quattro stagioni, prima di chiudere la piscina è necessario coprirla con l’apposita copertura. Quindi, all’inizio dell’estate si comincia proprio da qui, pulendo il telo da detriti, foglie e acqua stagnante che si sono accumulati durante l'inverno;
  2. aggiungere acqua: a questo punto si può decidere se pulire manualmente tutta la superficie vuota della vasca oppure se aggiungere l’acqua e i prodotti chimici e far sì che i diversi detergenti svolgano il proprio lavoro di pulizia e igienizzazione. Se riempiendo la vasca dovessero venire a galla alghe o altri detriti, è importante rimuoverli manualmente con un retino;
  3. pulire il filtro: dopo tanti mesi fuori uso, il sistema filtrante ha bisogno di una pulizia accurata per ricominciare a funzionare nel modo migliore. Si procede con il controlavaggio specifico o con la pulizia dell’apposita cartuccia, a seconda del modello di filtro installato;
  4. attuare la superclorazione: per concludere la pulizia è necessario procedere con la superclorazione, ossia un processo che consente di eliminare tutte le sostanze organiche e inorganiche che potrebbero compromettere il comfort.

Abritaly è un’azienda sinonimo di eccellenza italiana nel settore della copertura per piscine. Acquistando un prodotto di altissima qualità si ha la possibilità di usufruire di un servizio completo e personalizzato attraverso la scelta di materiali e supporti che garantiscono un’esperienza unica e duratura nel tempo. Inoltre, acquistando e installando una copertura sulla tua piscina riuscirai a dimezzare i tempi e gli sforzi necessari per la sua pulizia alla riapertura della stagione calda. 

Abritaly rappresenta l’eleganza Made in Italy, traducendo il gusto italiano nella raffinatezza del design e nel design minimal.

Fonti: