Avere un giardino con piscina è il sogno di molte persone e un lusso non indifferente. Nonostante questo, è fondamentale porre la giusta attenzione ad aspetti legati alla sicurezza di questo ambiente, soprattutto se si immagina che possa essere frequentato da bambini. Sebbene la scelta del modello e dei materiali costituiscano un elemento cruciale, è di primaria importanza assicurarsi che questi siano compatibili con la normativa vigente in termini di sicurezza. 

In particolare, è opportuno prevedere, fin dalla fase della progettazione, la presenza di recinzioni per piscina che garantiscano un adeguato livello di sicurezza per i bagnanti di tutte le età. 

Recinzione di sicurezza smontabile per piscine

Scegliere di installare un sistema di protezione della piscina permette di tutelare la sicurezza di tutti i componenti della famiglia, specialmente dei bambini, e garantire la giusta tranquillità agli adulti. Una buona soluzione per raggiungere questo obiettivo è quella di installare una recinzione di sicurezza smontabile per piscine.

Le recinzioni di sicurezza amovibili per piscine, nate negli Stati Uniti trent’anni fa, costituiscono attualmente la soluzione più apprezzata dai clienti. Disponibili in diverse soluzioni e modelli, queste recinzioni sono in grado di rispondere a molteplici esigenze.

In generale, i materiali utilizzati per le recinzioni sono quelli tipici del settore degli arredi per esterni e, pertanto, estremamente resistenti: si adattano senza deformarsi a compressioni, strappi e all’azione degli agenti atmosferici. Inoltre, possono essere trattati con stabilizzanti di luce UV e con inibitori di muffa per garantire lunga vita all’aperto.

L’installazione di alcuni modelli necessita della realizzazione di fori nel terreno all’interno dei quali vengono inseriti gli appoggi che garantiscono la stabilità e solidità dell’intera struttura; altri, invece, non hanno bisogno di supporti aggiuntivi in quanto già sufficientemente stabili. Le recinzioni mobili per piscine comportano diversi vantaggi tra cui:

  • sicurezza: l’installazione di recinzioni mobili per piscina permette di creare delle barriere oltre le quali i più piccoli non possono avventurarsi, riducendo - di conseguenza - le probabilità che questi si possano avvicinare alla vasca senza la presenza di un genitore; 
  • adattabilità: questo genere di strutture è particolarmente versatile in quanto può essere installata in qualsiasi tipologia di giardino, adattandosi alla forma e alla dimensione della piscina; 
  • semplicità di installazione: la procedura di montaggio e smontaggio è semplice e intuitiva;
  • minimo ingombro: è possibile riporle facilmente in 20-30 minuti e depositarle altrove occupando poco spazio; 
  • scarsa manutenzione: le recinzioni mobili per piscina necessitano di una minima manutenzione. È sufficiente assicurarsi che l’ambiente nel quale vengono riposte sia adeguato alla conservazione del materiale di cui sono costituite; 

Recinzioni in legno per piscine

Le recinzioni fisse, meno utilizzate rispetto alle precedenti smontabili, garantiscono altrettanta sicurezza. Se si vuole optare per questa soluzione è bene valutare la posizione della piscina, delle piante presenti in giardino e lo stile del paesaggio circostante e per valorizzare il giardino con un elemento di design.

I materiali presenti sul mercato sono numerosi e diversificati, capaci di adattarsi alle differenti necessità in tema di recinzioni fisse per piscina: in questo modo è possibile scegliere con facilità l’alternativa che soddisfa al meglio i requisiti estetici e pratici. Per quanto riguarda la scelta dei materiali è opportuno ricordare che, generalmente, le recinzioni per piscina vengono realizzate in PVC, alluminio e  legno.

Quest’ultimo, in particolare, costituisce una soluzione particolarmente valida: infatti, le recinzioni realizzate con il legno si adeguano a numerosi contesti, soprattutto quelli in cui la piscina si trova immersa nel verde. Il tipo di legno utilizzato per realizzare le recinzioni è trattato con appositi prodotti che permettono di aumentarne la resistenza in ambienti esterni, oltre a limitare l’azione degli agenti atmosferici, delle muffe e degli insetti. Infine, bisogna ricordare come questo materiale di alta qualità abbia il pregio di donare comfort, naturalezza, e, ovviamente, eleganza alla struttura.

Recinzione per la piscina

Recinzione piscina normativa

Le recinzioni per piscine tutelano la sicurezza dei bambini e dei piccoli animali senza rinunciare alla bellezza estetica del giardino. Impedendo di cadere accidentalmente in acqua, queste strutture aumentano il comfort della zona piscina e garantiscono la tranquillità di tutti i membri della famiglia.

Gli elementi ai quali porre attenzione quando si progetta una piscina sono numerosi e includono gli aspetti legati alla sicurezza. In particolare, la larghezza minima del bordo vasca e la profondità massima, nonché la presenza di eventuali ausili di accesso all’acqua come scalette o gradini, costituiscono un elemento fondamentale affinché la piscina possa dirsi “compliant” verso la normativa di legge. 

Per quanto riguarda le recinzioni per piscina è opportuno ricordare alcuni punti focali della normativa vigente, valida soprattutto per le piscine che sono aperte al pubblico: 

  • l’altezza minima della recinzione deve essere pari a 1m; 
  • la recinzione deve essere facilmente utilizzabile da parte di tutti gli utenti della piscina; 
  • è fondamentale che la recinzione per piscina sia adeguatamente installata al fine di poter garantire la giusta stabilità in caso di necessità; 
  • è preferibile che il materiale con cui è realizzata la recinzione per piscina sia resistente agli agenti atmosferici: in questo modo è possibile ridurre la necessità di sostituirla periodicamente; 

Prima di tutto, la recinzione scelta deve essere correttamente fissata al pavimento o al terreno per garantire la stabilità della struttura.

Altezza minima recinzione piscina

Un ultimo aspetto fondamentale da considerare al momento dell’acquisto e dell’installazione di una recinzione di sicurezza, smontabile o fissa che sia, è l’altezza minima.

Questa deve essere minimo di 122 centimetri, altezza ideale per tutelare i bambini e i piccoli animali, in quanto costituisce un vero e proprio ostacolo che in alcun modo può essere aggirato o superato arrampicandosi.

Come migliorare la sicurezza della piscina

Oltre agli accorgimenti sopra citati circa le recinzioni per piscina è opportuno valutare l’installazione e l’utilizzo di altri dispositivi che possono migliorare la sicurezza a bordo vasca. In particolare, si suggerisce di valutare l'acquisto di un allarme da piscina per bambini. 

Si tratta di un dispositivo elettronico che monitora l’attività all’interno della piscina grazie ad alcuni sensori ed emette un suono d’allarme quando i più piccoli, o un animale, entrano nella vasca senza autorizzazione. L’accensione e lo spegnimento di questo sistema possono essere regolati in base alla presenza o meno di un adulto che accompagni i bambini durante la permanenza in vasca, per non correre alcun rischio e tutelare tutta la famiglia.
Infine, per evitare che i più piccoli possano cadere all’interno della vasca quando non viene utilizzata, è possibile installare una copertura per piscina bassa facilmente apribile attraverso l’utilizzo di un apposito motore. La maggior parte di questi modelli sono calpestabili e, allo stesso tempo, garantiscono un’adeguata resistenza alla pressione ed al peso dei bambini.

Recinzione per la piscina

Fonti:

https://www.abritaly.eu/copertura-piscina-sicurezza-per-bambini

https://www.guidapiscine.it/articoli/recinzioni-removibili-per-la-sicurezza-in-piscina

https://www.centroitalia.it/recinzione-di-sicurezza-piscine.html

https://www.habitissimo.it/preventivi/recintare-piscina